BLEED - L'influenza reciproca tra giocatore e personaggio

  • Altro Altro

  • Role-playing games
BLEED - L

Il giocatore di ruolo è spesso impegnato nella ricerca di coinvolgimento in un personaggio ed in una realtà/narrativa fittizia considerate prive di conseguenze.

Tuttavia esperienze in cui le sensazioni, i pensieri, le relazioni e altri aspetti della vita dei giocatori si riversano nei personaggi e viceversa sono tutt'altro che rare. Scopo di questa talk è introdurre al concetto, a cui nei role-playing studies ci si riferisce con il nome di BLEED, alle tecniche utili alla sua gestione, alle possibilità di utilizzo e infine ai costrutti psicologici utili a spiegarlo. Ci sarà spazio per la discussione volta alla sensibilizzazione in merito alle buone pratiche e alle potenziali conseguenze del fenomeno.

PANEL:
Francesco Rugerfred Sedda - nato in Italia, formato in Danimarca, si è sempre interessato di giochi e interazioni ludiche. Alle spalle ha una Laurea in Media Design e Arti Multimediali conseguita a Milano e un Master of Science in Game Design & Theory, ed è stato anche assistente insegnante di Game Design alla IT University di Copenhagen. Ha lavorato su oltre venti giochi in vari ambiti ludici: dal videogioco al gioco da tavolo, dal gioco di ruolo ai giochi educativi. È stato giudice del Game Chef Pummarola Edition e del 200 Word RPG Challenge.

Francesco Zani – Laureato in psicologia e neuroscienze cognitive, lavora presso la ludoteca comunale di Padova, città in cui ha fondato il gruppo territoriale "GDR Padova". Traduttore e dimostratore per Dreamlord Press e Coyote press, menzioni speciali al Game Chef (2017, 2018) e vincitore, insieme a Rugerfred, di un Golden Cobra (2015) con "HIDE" – un gioco su una relazione mediata dalle interazioni online. Ha partecipato alla redazione di GDR Unplugged, per cui ha diretto il GDR Late Show e fa attualmente parte della redazione di Storie di Ruolo, con cui collabora da dietro le quinte.

Stefano Burchi - giocatore, creatore, appassionato e divulgatore; autore de "L'avventura di una notte" e di "Stonewall 1969 - Una storia di guerra", attualmente in fase avanzata di sviluppo. Partecipa a convention, eventi e conferenze per parlare di gioco di ruolo e per facilitarlo, proponendo, nelle parole e nei fatti, una cultura ludica fatta di condivisione, dialogo, inclusione e rispetto. E' particolarmente interessato agli aspetti sociali del gioco, alla gestione della sicurezza in partita e all'uso dell'empatia e delle emozioni come strumenti di crescita personale.

Modera: Giulia Cursi - giocatrice e divulgatrice appassionata di giochi di ruolo da tavolo e dal vivo. E' presente sul web soprattutto tramite il progetto "Giù lo schermo", che si prefigge l'obbiettivo di far conoscere il gioco di ruolo in generale e di mostrare partite giocate per mostrare il funzionamento di giochi non tradizionali. Ha fondato il gruppo "Sisterhood of evil", uno spazio sicuro per chi si riconosce nel genere femminile o non binario dove le giocatrici possono confrontarsi ed esprimere il loro punto di vista sul mondo del gioco.

Condividi su: